image description

Progresso Elettrico

NOTIZIARIO TECNICO DEL GRUPPO CARPANETO SATI

 

APPLICAZIONE LPS PER CHIESE, MUSEI, PALAZZI STORICI, VILLE D’EPOCA

fulminiSi avvicina la stagione dei temporali. Durante l’estate assistiamo sempre più frequentemente ad intensi fenomeni temporaleschi, che purtroppo, si possono concludere con incendi alle strutture indicate dalle Norme CEI EN 62305 come “strutture soggette al rischio di perdita di patrimonio culturale insostituibile”. Per questo tipo di strutture, nella edizione attuale della norma,il valore di R3 tollerato è pari a 10-4.Giustamente si vuole tutelare più attentamente le persone ma anche il contenuto che viene riconosciuto come insostituibile. Queste strutture storiche, spesso hanno i sottotetti che sono costituiti da capriate in legno fortemente essicato dal tempo, il quale, risulta quindi molto vulnerabile ad una sorgente di innesco come quella del fulmine. In queste circostanze diventa ancora più apprezzabile l’indicazione della Norma CEI EN 62305-2 quando richiama l’attenzione dei progettisti e dei committenti dicendo: “Quando si desideri evitare comunque possibili rischi,la decisione di adottare misure di protezione contro il fulmine può essere presa indipendentemente dal risultato di qualsivoglia valutazione del rischio”. La misura più efficace contro questo tipo di danno è certamente l’installazione di un LPS esterno come previsto dalla Norma CEI 62305-3. In particolare nel nostro catalogo per la realizzazione di tali impianti e degli impianti di terra, si trovano tutti componenti necessari per una corretta installazione conforme alla norma. Per queste applicazioni suggeriamo l’impiego di conduttori bimetallici che possono essere costituiti da acciaio rivestito di rame oppure alluminio rivestito di rame. Con questi conduttori, ricordiamo che i componenti di collegamento dovranno essere di rame con viti omogenee o in acciaio inox. In poco tempo il rame si ricoprirà di una sottilissima patina di ossido che renderà il prodotto più armonizzato alla struttura dal punto di vista architettonico; soprattutto se questa è già dotata di scossaline e pluviali di rame. Una ulteriore attenzione è costituita dall’impiego di conduttori a tondo pieno e non da trecce di rame. L’impiego degli appositi raddrizza tondini, che noleggiamo, riduce notevolmente i tempi di montaggio ed assicura una notevole linearità dei conduttori posati a parete Per maggiori informazioni Sati Italia S.p.A. Tel: 011 95 90 111 e-mail: info@sati.it www.sati.it

Comments are closed.