image description

Progresso Elettrico

NOTIZIARIO TECNICO DEL GRUPPO CARPANETO SATI

 

NEL 2014 LA SERIE DELLE NORME CEI DEL COMITATO TECNICO (CT) 81 “PROTEZIONE CONTRO I FULMINI SI RINNOVANO E SI COMPLETANO

Durante quest’anno 2014 stiamo assistendo ad un aggiornamento ed adeguamento di molte delle norme della serie CT 81.

Facciamo il punto su quanto sta accadendo.

A partire dall’inizio dell’anno 2014 tutti gli impianti, i progetti, le valutazioni del rischio devono essere fatti applicando la serie di Norma CEI EN 62305 – parte1,2,3 e 4 nella seconda edizione di pubblicazione.

A fine anno 2013 è stata pubblicata anche la serie CEI EN 62305 – parte 1,2,3 e 4 EC (Errata Corrige).

Si tratta di adeguamenti e  precisazioni utili da applicare.

Per rendere più chiara l’applicabilità della norma è stata pubblicato nel 2014 una Guida CEI 81-29: Le linee guida per l’applicazione delle norme CEI EN 62 305 – tutta la serie.

Oltre ad invitare tutti gli addetti a consultare questi elementi suggeriti dalla Guida, riportiamo una interessante condizione che consente di considerare la probabilità Pҭᴀ = 0 nella valutazione dei rischi (parte seconda) contro la fulminazione della struttura.

Il paragrafo 2.5 della guida dice:

“Le tensioni di contatto si verificano verso parti metalliche, facenti parte della struttura, che possono entrare a far parte del percorso della corrente di fulmine.”

In assenza di tali parti metalliche le tensioni di contatto possono essere trascurate.

Si può inoltre assumere Pҭᴀ = 0 quando si verifica una delle seguenti condizioni:

A) La struttura:

–          Ha una struttura portante metallica, oppure
–          È in c.a. con ferri di armatura continui, oppure
–          È in c.a. gettato in opera, con i ferri di armatura legati a regola d’arte edile;

B) La struttura è dotata di LPS con almeno 10 calate;

C) In condizioni normali non vi è presenza continuativa di persone, entro tre metri dalle calate dell’L.P.S.;

D) La resistenza verso terra di una persona a contatto con il suolo o con il pavimento(resistenza di terra di un elettrodo di 400 cm  con una forza di 500 N) non é inferiore a 100k Ὠ;

E) Il suolo è ricoperto con uno strato di 5 cm di asfalto o da 15 cm di ghiaia.

NOTA: le misure di protezione di cui ai punti D ed E sono efficaci anche in assenza di LPS esterno.

FULMINAZIONE A TERRA NG

Nel mese scorso, maggio 2014, è definitivamente stata abrogata la norma CEI 81-3: Valori medi del numero di fulmini a  terra per anno e per chilometro quadrato dei Comuni d’Italia, in ordine alfabetico.

Vediamo di dare un senso cronologico a quanto è accaduto nell’ambito dell CT 81 nei mesi scorsi.

Il comitato CT 81 Nel mese di febbraio 2014 ha pubblicato una guida CEI 81 – 30: Protezione contro i fulmini.

Reti di localizzazione fulmini (LLS). Linee guida per l’impiego di sistemi LLS Per l’individuazione dei valori di NG (Norma CEI EN 62 305- parte2).

Con riferimento a questa guida il CEI, attraverso un comunicato stampa del 2 aprile 2014, ha informato gli utenti che è disponibile una applicazione, Pro Dis.,  che consente di chiedere ed ottenere valori aggiornati di NG con una richiesta a pagamento dal sito del CEI WEB.

Quest’aspetto della valutazione dei rischi è tipicamente progettuale, e consente a tutti di eseguire calcoli aggiornati secondo la Norma CEI EN 62 305 – parte 2. seconda edizione.

Questa costituisce un’applicazione aggiornata della regola dell’arte per la valutazione del rischio come richiesto dal quadro legislativo DLgs 81/08

Comments are closed.